Gara5 non va, la stagione degli Stings si conclude per un soffio agli ottavi playoff

Gara5 sancisce la chiusura della stagione 18/19 degli Stings che, dopo 4 intense gare di ottavi di finale playoff, sul parquet di Bergamo trovano lo stop finale.
Per entrambe le squadre sono assenti due pedine importanti, sono i play Vencato per i mantovani e Taylor per gli orobici. L’avvio di partita della Pompea è purtroppo uno dei più impacciati visti in stagione, mentre invece i padroni di casa si mostrano da subito più aggressivi e lucidi. Bergamo realizza un parziale di 8-2 poi, con Morse, Maspero e Raspino, Mantova riaggancia 8-8 a metà della prima frazione di gioco, ma è ancora Bergamo a dirigere i giochi con i virgiliani in continua rincorsa. Gli Stings non riescono proprio a fare punti e così il gap continua via via ad allargarsi fino al 23-10 di fine 1° quarto. Anche il secondo quarto comincia allo stesso modo con Bergamo che continua ad appesantire il proprio vantaggio, arrivando a +17, solo i liberi di Veideman interrompono il break casalingo.
Bergamo in fiducia pare non sbagliare nulla mentre la Pompea continua a sembrare in difficoltà in attacco e riesce a trovare qualche punto soltanto dalla lunetta. Il primo tempo termina 36-18. Nonostante lo svantaggio importante, alla ripresa del gioco gli Stings non mollano e provano ad aggredire la partita e, azione dopo azione riescono a ridurre leggermente il divario (-12, 38-26). I gialloneri però non accennano a calare il loro ritmo; solo le due triple consecutive di Raspino rianimano Mantova impedendo un’altra pericolosa fuga dei bergamaschi. Roderick e Fattori provano ancora a fare la voce grossa ma anche questa volta è Raspino con Visconti a metterci una pezza (54-42 al 28′). Con la schiacciata di Ferrara la Pompea arriva anche al -10 ma Zugno chiude in quarto realizzando ancora 4 punti, 60-46. Cominciano gli ultimi e decisivi 10′ della partita; la bomba di Raspino è il segnale chiaro e forte che gli Stings ci sono e non vogliono mollare, quella di Veideman riduce lo svantaggio mantovano sotto la doppia cifra (60-52). Bergamo allunga di nuovo ma la tripla di Ghersetti fa reimpattare Mantova a metà del quarto. Arriva lo slancio biancorosso che fa seriamente impensierire gli orobici, con Veideman e Visconti che riducono fino a -5 (68-63). Al 39′ però Bergamo si riporta sul +7. La bomba di Visconti tiene accese le speranze e gli altri due punti trovati da Ghersetti danno concretamente una chance agli Stings. L’ultimo attacco è della Pompea ma la tripla di Visconti non entra e la sirena mette la parola fine al match, 72-70.
Gli Stings seguiti a Bergamo da più di 300 supporters che non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno e calore alla squadra, sono dunque giunti ai saluti finali di una comunque appassionante ed entusiasmante stagione.
Ringraziamo i ragazzi e tutto lo staff per averci fatto vivere un’annata memorabile!!!

Bergamo Baket 2014 – Pompea Mantova 72-70
(23-10, 36-18, 60-46)

Bergamo Basket 2014: Terrence Roderick 24, Lorenzo Benvenuti 18, Giovanni Fattori 12, Ruben Zugno 10, Andrea Casella 4, Ferdi Bedini 2, Dario Zucca 2, Luigi Sergio 0, Marcello Piccoli n.e., Andrea Augeri n.e., Federico Marelli n.e., Brandon Taylor n.e.. All.: Dell’Agnello.

Pompea Mantova: Riccardo Visconti 20, Tommaso Raspino 18, Mario Ghersetti 13, Rain Veideman 8, Lorenzo Maspero 4, Anthony Morse 3, Matteo Ferrara 2, Nika Metreveli 2, Giovanni Poggi, Andrea Albertini n.e., Francesco Guerra n.e., Luca Vencato n.e.. All.: Finelli.

2019-05-09T15:10:48+00:00 9/5/19|