Pompea batte Tezenis 77-76 nel derby alla Grana Padano Arena!

Raspino apre il derby Mantova-Verona con due punti in penetrazione. Candussi risponde subito con una tripla. Ancora Raspino da sotto per il +1, seguito da Maspero che allunga di due con gli Stings che fanno un buon lavoro in difesa così come a rimbalzo. La tripla di Henderson porta Verona a -1 ma Veideman ristabilisce il vantaggio (12-8); ancora i gialloblu mettono la testa avanti con un mini break di 5 punti. E’ Veideman poi a riportare la Pompea avanti. Gli ospiti però continuano a stare alle calcagna dei biancorossi. Purtroppo negli ultimi minuti nella metà campo offensiva i virgiliani sbagliano alcuni canestri ed il quarto si conclude 21-19.
Il secondo parziale inizia con due liberi realizzati da Ferrara. Ferguson segna subito tre punti per i suoi, ma Visconti si iscrive a referto con una bomba. E’ ancora Ferguson a riportare Verona a -1, ma Poggi da sotto segna il 28-25. La Tezenis passa in vantaggio con Ikangi con canestro più fallo; il tap-in di Visconti porta gli Stings a -2 (32-34) ma Poletti dalla lunetta ristabilisce il vantaggio veronese. Purtroppo la Pompea continua ad essere sfortunata al tiro e rincorre fino al +1 segnato da Ghersetti dalla lunetta. Il punteggio si ribalta di nuovo dall’altra lunetta, l’ultima parola però la dice Veideman e il vantaggio torna in mano agli Stings che, grazie ad un’ultima difesa arcigna, chiudono il primo tempo 40-39.
Ghersetti mette a segno i primi due punti del terzo quarto ma Amato dall’altra parte pareggia i conti con una tripla. Il sorpasso ospite arriva nell’azione seguente con due punti di Candussi, ma Raspino rimedia subito. Si sussegue un botta e risposta tra le squadre fino al +4 ospite firmato da Henderson (46-50). La bomba di Mario Ghersetti scuote la Pompea. E’ ancora “Super Mario” a segnare il 52-52, ma Verona si stacca di nuovo con 6 lunghezze di vantaggio. Raspino da due e una schiacciata di Visconti valgono il nuovo -2 mantovano. La Grana Padano Arena incita a dovere la propria squadra che grazie all’ultima giocata termina il periodo in perfetta parità 58-58.
Nell’ultima frazione di gioco è Veideman a sbloccare il risultato con due liberi e Visconti rincara con una bomba. Amato segna due triple consecutive ma Morse frena lo sprint veronese. Gli ospiti sono pericolosi da tre punti e la battaglia prosegue punto a punto fino ad un altro allungo giallo-blu, 65-69. Visconti infila prima una bomba e poi un canestro da sotto che tengono gli Stings in bagarre (70-72). Arriva la schiacciata di Morse che riporta Mantova a contatto sul 72 pari. Ghersetti segna altri due punti per il nuovo vantaggio biancorosso ma Amato e Ferguson ribaltano la situazione a favore degli ospiti. A 46” dal termine è Ferrara l’artefice della bomba che riporta Mantova al comando; Ghersetti subisce fallo ma i suoi liberi non vanno a segno. L’ultimo possesso è in mano a Verona che però non può nulla contro la difesa Stings. La sirena decreta così la fine del match: Pompea batte Tezenis nel derby alla Grana Padano Arena con 2500 spettatori presenti!
Una menzione particolare al pubblico virgiliano che ieri sera ha creato una memorabile cornice a supporto della squadra, avanti così!
Mercoledì 30 sarà già ora di tornare a calcare il campo nella trasferta contro l’Assigeco Piacenza alle ore 20:45. Go Stings!

Pompea Mantova – Tezenis Verona 77-76
(21-19; 40-39; 58-58)

Pompea Mantova: Guerra n.e., Veideman 16, Morse 6, Poggi 3,Raspino 12, Visconti 16, Ferrara 5, Ghersetti 15, Maspero 2, Tosi n.e..
All.: Finelli.
Tezenis Verona: Dieng, Ferguson 12, Poletti 15, Amato 20, Guglielmi n.e., Candussi 7, Hederson 9, Quarisa 2, Severini 6, Ikangi 6.
All.: Dalmonte.

2019-01-28T10:40:19+00:00 28/1/19|